bruco-natale
 

Libri e interviste utili

Trovare libri interessanti che parlano del rapporto con i nostri bambini e dell'essere genitori non è sempre facile.

Vi proponiamo allora una sezione dedicata proprio a questi libri, ma non solo. Ci troverete anche interviste a chi scrive di figli e a chi si occupa di figli.

E' anche uno spazio aperto ai vostri suggerimenti: avete letto un libro di cui vorreste parlare con altre persone? Siete affezionate a blog che parlano di genitori e dell'educazione dei figli? Segnalateli alla nostra redazione e noi utilizzeremo questo spazio per proporli a tutti i lettori di Che Forte!

 

Il Forum

Un luogo dove condividere dubbi, domande e soluzioni. Genitori, nonni, insegnanti, vi aspettiamo! Accedi o registrati.
Dimenticata la password?

Le ultime discussioni:

 

Droga: un libro per non abbassare la guardia

copertineDi libri sulla droga ne sono usciti molti. Ma la novità di Assuefatti, Come le sostanze stupefacenti sono entrate nel quotidiano (Edizioni San Paolo, 14 euro) è la chiave di lettura con cui è stato affrontato il fenomeno sull’uso e la diffusione delle droghe in Italia: un problema trasversale che ormai coinvolge ogni ceto sociale, dal manager al piastrellista. Le autrici, le giornaliste Sara Casassa e Antonella Fiori, spiegano come è nata l’idea della loro inchiesta: «Ci siamo chieste: perché tanta gente fa uso di sostanze? Sono consapevoli degli effetti sul cervello e sulle loro capacità cognitive quando fumano la cannabis, sniffano cocaina o ingoiano una pasticca? Dove prendono le informazioni? Sulle droghe c’è una mentalità dominante che ha trasformato le sostanze stupefacenti nel doping della vita quotidiana, sottovalutandone gli effetti. Frasi come Farsi una canna è come bere un bicchiere di vino, La droga bisogna solo saperla gestire, Non fa male se sai come usarla sono i luoghi comuni che più la rappresentano. Le persone le scelgono a seconda del problema che hanno: chi soffre d’ansia e vuole rilassarsi tende a farsi una canna, chi vuole aumentare le sue prestazioni sul lavoro o nella vita privata fa uso di coca, i ragazzi che vanno in discoteca o a un rave si «calano» le pasticche di ecstasy per sentirsi più carichi e ballare per ore, o si fanno di ketamina (un anestetico per cavalli, ndr) per muoversi come zombie».

Il messaggio più forte, forse, riguarda i dati allarmanti su come siano cambiate le droghe rispetto al passato. «A chi crede ancora che certe sostanze siano naturali rispondono farmacologi come Fabrizio Schifano dell’università di Hertforshire dicendo che è una bufala e spiegando che le sostanze che circolano oggi vengono modificate a partire dai semi», affermano le autrici. «I chimici che stanno dietro i narcotrafficanti cercano di offrire ai consumatori prodotti sempre più allettanti. C’è una vera e propria metamorfosi delle droghe ormai vendute dappertutto - da Internet agli smart shops - e nelle forme più diverse. Insomma, lo spinello non è più quello degli anni Settanta e ampi studi internazionali dimostrano che, in chi fa uso continuativo di Cannabis, i disturbi mentali (psicosi e schizofrenia) aumentano notevolmente. Ma questo dato scientifico non passa. C’è completa disinformazione: i risultati delle ricerche sui danni di queste sostanze sul cervello restano nei laboratori. Solo negli ultimi anni il principio attivo, il Thc (principio attivo della Cannabis, ndr) è raddoppiato con un’escalation che arriva alla skunk o superskunk che contiene fino a 150-200 mg di Thc, 5-7 volte quello che uno penserebbe di trovare. Le spice drugs, poi, sono dei cannabinoidi sintetici fino a 28 volte più potenti di quelli di derivazione naturale. Hanno un aspetto e un nome abbastanza innocuo, fatto apposta per attirare i ragazzini. Droghe potentissime che non sono rilevabili neanche col test delle urine perché non contengono Thc ma molecole simili di derivazione sintetica». L’inchiesta mostra anche la facilità con cui un ragazzo può procurarsi ogni tipo di sostanza: un vero e proprio supermarket che, via Internet, recapita a casa in pochissimi giorni qualsiasi tipo di droga. Ma, come si dice, conoscere è il primo passo per prevenire.

Rivolto a chi ogni giorno deve fare i conti con un problema sempre più dilagante, le famiglie e gli insegnanti, il volume riporta le testimonianze della realtà che vivono quotidianamente i medici dei Pronto Soccorso, i poliziotti, gli psichiatri del Sert, oltre ai pareri di veri esperti come Riccardo Gatti, direttore del Dipartimento delle Dipendenze della A.S.L. Città di Milano, e Silvio Garattini, fondatore nel 1963 e direttore dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri. 
Un’ampia parte dell’indagine è dedicata poi all’informazione che, negli anni, è circolata sulla droga, con interviste a personaggi della comunicazione e dello spettacolo: giornalisti (Piero Angela, Maurizio Costanzo, Milena Gabanelli, Gad Lerner), attori (Raoul Bova e Lella Costa), dee-jay (Linus e Claudio Coccoluto), scrittori (Gaetano Cappelli).  Daniela Hamaui, ex direttore dell’Espresso, sostiene che la maggior parte delle volte i giornali non hanno informato: «Si è finiti nella solita ideologizzazione che distingue tra droghe pesanti e leggere».

La redazione di Che Forte! www.cheforte.it

 

Joomla SEF URLs by Artio

Siamo su Facebook