Influenza con vomito e diarrea: cosa mangiare?

Quando ci sono influenza con vomito e diarrea qual è la dieta per il bambino?

 
“In presenza di sintomi influenzali, specie se coinvolgono il tratto gastroenterico, è fondamentale seguire una dieta specifica – spiega la dottoressa Michela Barichella del Comitato Scientifico dell’Osservatorio Nutrizionale Grana Padano e responsabile della Struttura di Dietetica e Nutrizione Clinica  ICP di Milano – L’alimentazione, infatti, è fondamentale nel trattamento e nella prevenzione di molte malattie. Un’alimentazione corretta ed equilibrata, ogni giorno e per tutto l’anno, migliora le difese immunitarie, per questo motivo è fondamentale introdurre vitamine con frutta e verdura, utilizzare latte fermentato e yogurt per introdurre fermenti lattici vivi e soddisfare tutti gli apporti calorici con la giusta combinazione di macro e micronutrienti”.
 
L’influenza si può manifestare in diversi modi, ed uno dei più frequenti è rappresentato dalle sindromi gastroenteriche che necessitano di un intervento nutrizionale appropriato, per ripristinare la normale funzionalità intestinale e garantire un apporto nutrizionale adeguato sia in termini di idratazione sia di macro e micronutrienti.
I virus influenzali che colpiscono il tratto gastroenterico alterano la funzione della mucosa intestinale e probabilmente la flora batterica, provocando vari sintomi dalla diarrea al vomito, con la conseguente perdita di liquidi – spiega il Prof. Davide Festi del Comitato scientifico dell’Osservatorio Nutrizionale Grana Padano, gastroenterologo e Direttore della Scuola di specializzazione in gastroenterologia dell’Università di Bologna – È quindi importante ripristinare in breve tempo l’equilibrio idro-elettrolitico con il reintegro di liquidi e sali evitando o limitando bevande come il caffè”.
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:
“Nella fase acuta – aggiunge Festi –  l’alimentazione dovrà essere a ridotto contenuto di fibre e priva di lattosio, escludendo panna, maionese, ragù, paste farcite, brodo di carne; oltre che evitare pepe, peperoncino e altre spezie in genere perché possono irritare la mucosa intestinale. In questa fase è preferibile scegliere piatti semplici, condire con olio di oliva al crudo e formaggio stagionato che non contiene lattosio, pesce e carne magra al vapore o alla griglia, pane tostato, fette biscottate, grissini o crackers evitando i prodotti integrali. Successivamente, quando la sintomatologia si attenua, si può riprendere e reintegrare piccole quantità di alimenti comele verdure (preferendo carote crude e zucchine bollite) e piccole porzioni di pasta, meglio non ancora integrale e patate lessate”.

Vieni anche tu a trovarci su Facebook alla pagina S.O.S.  Mamma e Che Forte mio figlio, troverai tante mamme con cui condividere esperienze ed emozioni

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Febbre: ci sono alternative alla tachipirina in supposte? I consigli delle mamme

Mia figlia ha la febbre e nessun altro sintomo

Related Articles

I più letti
Siamo su Facebook
Che cosa sa fare mio figlio a