Filetti di pollo e patate cucinati in modo sano

Se avete ospiti improvvisi, magari i compagni di vostro figlio, e non avete tempo di cucinare, ecco un piatto veloce adatto ai bambini di tutte le età. Croccante, invitante, è un successo quasi garantito. La nostra naturopata ci consiglia come cucinarlo e quali carni scegliere affinché sia un piatto anche sano.

Ingredienti per 6 persone

  • –       Un petto di pollo a cui avrete fatto togliere l’ossicino centrale
  • –       4 patate medie
  • –       Un rametto di salvia
  • –       Un rametto di rosmarino
  • –       Due spicchi d’aglio
  • –       Sale
  • –       Olio q.b.
  • –       1 Limone

Preparate il petto di pollo, togliendo la parte grassa e riducendolo a filetti (o chiedetelo al macellaio!).

Tagliate le patate a cubetti piccoli. Prendete la solita padella a fondo largo (o il wok) e ungetela con un filo d’olio, davvero pochissimo.

Legate il rametto di salvia e di rosmarino con del filo da cucina e infilzate l’aglio spellato con uno stuzzicadenti.

Buttate tutti gli ingredienti in padella, salando ed eventualmente pepando. Fate rosolare per bene il pollo e fate dorare le patate. Ci vorranno circa 15/20 minuti. Se vi accorgete che le patate non sono ben cotte, abbassate il fuoco e proseguite la cottura per qualche minuto. Spruzzate con il succo di un limone e fate evaporare velocemente. Togliete l’aglio e il rametti di salvia e rosmarino e servite con un’insalatina mista  a piacere.

Annamaria Pizzinato

I consigli nutrizionali della naturopata

Un piatto semplice e croccante da segnalare per l’uso della carne bianca, una validissima alternativa per la salute dei nostri bambini alla carne rossa. La carne bianca, infatti, non è in alcun modo inferiore alla carne rossa per apporto di nutrienti ed è sicuramente da preferire a questa.

La carne, però, non è tutta uguale. Per garantire ad un organismo ancora così in formazione come quello dei nostri figli dei nutrienti di buona qualità, tenendoli al contempo lontani da sostanze dannose, consiglio di portare in tavola carne biologica o almeno proveniente da pollame allevato a terra, al quale sia stato garantito il mangime corretto e le giuste ore di buio la notte, che non sia gonfiato di ormoni per farlo ingrassare e non sia imbottito di antibiotici per trattare le malattie che un allevamento intensivo e stressante per gli animali comporta. Utilizzare carne di provenienza biologica o simile potrebbe, inoltre, essere una buona occasione per spiegare ai bambini il senso di questa scelta.

Per venire al piatto, si consiglia poi di non offrirlo con del pane, stante la presenza delle patate, ma di accompagnarlo ad un’insalata o altra verdura possibilmente cruda; le patate, infatti, a causa dell’alto contenuto di amidi, non possono essere contemplate tra le verdure e non rientrano perciò nelle famose 5 porzioni di frutta e verdura che andrebbero quotidianamente consumate.

Bene l’uso di erbe aromatiche: insaporiscono il piatto permettendo di non usare sale e apportano le proprietà terapeutiche della pianta, che, soprattutto nel caso del rosmarino e della salvia sono davvero numerosissime. La Scuola Medica Salernitana già nel Medio Evo diceva infatti “Come può morire un uomo sul cui davanzale cresce il rosmarino e la salvia?” Secondo questa Scuola, infatti, rosmarino, salvia e timo sarebbero in grado di curare tutte le malattie.

Anche l’aglio andrebbe usato in cucina il più spesso possibile, soprattutto crudo, per le sue innumerevoli qualità. E’ infatti un grande antibatterico, antibiotico e antisettico, utilizzato da secoli da tutte le antiche medicine tradizionali, quelle occidentali comprese.

Irene Catanzariti, naturopata esperta in alimentazione naturale

In ARCHIVIO RICETTE trovi tutte le nostre ricette con i consigli dell’esperta in nutrizione

Vieni anche tu a trovarci su Facebook alla pagina S.O.S  Mamma, troverai tante mamme con cui condividere esperienze ed emozioni

Related Articles

I più letti
Siamo su Facebook
Che cosa sa fare mio figlio a